23 febbraio 2007

Ciclone Favio: distrutte centinaia di abitazioni

Il passaggio del ciclone Favio al sud e al centro del Mozambico, con venti superiori a 180 chiloemtri orari, ha provocato decine di feriti e centinaia di abitazioni totalmente o parzialmente distrutte.
La città di Vilankulo, dove il ciclone è passato nella mattinata di giovedì, è stata la più colpita ed è rimasta priva di energia elettrica e di comunicazioni telefoniche. Tra gli edifici colpiti vi è la maternità, il centro sanitario, diverse scuole e il mercato centrale. La forza del vento ha distrutto anche il carcere, permettendo la fuga di decine di reclusi. Nei distretti di Govuro, Inhassoro e Vilankulo le persone rimaste prive di abitazione ammonterebbero a 93.000. Dagli altri distretti della provincia non vi sono notizie a causa delle comunicazioni interrotte e delle strade rese inagibili. Durante la notte il ciclone si è spostato in direzione dello Zimbabwe perdendo gradualmente velocità sino ad estinguersi. Frattanto un nuovo ciclone si sta formando a nord est del Madagascar e si prevede che giunga in territorio mozambicano. “Non ne conosciamo ancora la traiettoria” ha affermato Helder Sueia, dell’Istituto Nazionale di Meteorologia “ma è opportuno rimanere in allarme. Probabilmente avremo informazioni sul suo percorso nella giornata di sabato”.