21 marzo 2007

Maputo: ministri africani riuniti per il Forum sull’Energia in Africa

Il Mozambico prevede di iniziare a breve l’implementazione di diversi progetti nel settore dell’energia elettrica” ha affermato il Ministro dell’Energia Salvador Namburete, in occasione della presentazione del “Forum sulla Sicurezza e Stabilità dell’Energia in Africa” che si svolgerà nei prossimi giorni a Maputo. In particolare verrà realizzata una nuova centrale termica a carbone che produrrà 1.500 Mw ed una seconda diga sullo Zambezi (Mpanda Mcua) che produrrà 1.300 Mw mentre sono in fase avanzata gli studi per tre piccole dighe sul fiume Lurio, in provincia di Nampula che potranno fornire 300 Mw. Nella provincia di Ihnambane è prevista una centrale a gas nel distretto di Inhassoro da 750 Mw. Il Ministro ha dichiarato che entro il 2009 verranno elettrificati 108 distretti (attualmente solo 60 possiedono energia elettrica permamente) mentre l’elettrificazione di tutto il Paese richiederà ancora tempo. La mancanza di energia elettrica, non solo in Mozambico ma in tutto il continente africano, impedisce quasiasi attività economica.
Nel Forum, a cui partecipano i paesi africani caratterizzati da un basso accesso all’energia elettrica, in particolare nelle zone rurali, verranno formulate e dibattute proposte e suggerimenti per risolvere i problemi energetici del continente.
Il ministro Salvador Namburete ha affermato che “la situazione dell’energia elettrica è stata aggravata negli ultimi anni da un aumento costante dei costi del combustibile nel mercato internazionale, dal declino del flusso di investimento in nuove capacità di generazione di energia e dall’aumento dei consumi in paesi come l’India e la Cina” sottolinenado che “il Forum favorirà i governi nel miglioramento dell’accesso all’energia”. Il Mozambico, ha continuato il ministro, si pone l’obiettivo di consentire alla popolazione l’accesso all’energia elettrica specie nelle località rurali dove il livello di povertà è elevato. Il ministro ha infine affermato come sia necessario “che i paesi africani siano sostenuti per raggiungere questi obiettivi e aumentare la capacità di produzione di energia elettrica”. Il Forum vedrà la partecipazione di 24 ministri africani.