02 marzo 2007

Un piccolo gesto con molto valore

Gli alunni della scuola secondaria “Quisse Mavota” di Maputo hanno organizzato una raccolta di denaro e di beni diversi per le persone colpite dal ciclone Favio. Tra i beni vi sono vestiti, calzature, materiale scolastico e prodotti alimentari raccolti spontaneamente dagli alunni tra mercoledì e giovedì scorsi. Carlos Guilamba, rappresentante degli studenti, ha affermato che l’idea è nata durante l’ora di educazione fisica, quando un gruppo di alunni ha invitato il resto della classe a raccogliere quello che avevano per offrirlo alle vittime del ciclone. “Non abbiamo molto” ha affermato il rappresentante degli alunni “ma crediamo che anche il poco possa contribuire a mitigare la sofferenza di qualcuno”. La direzione della scuola ha approvato l’iniziativa rimanendo sorpresa per la quantità di ciò che, in solo due giorni, è stato raccolto e consegnato alla Croce Rossa la quale provvederà a farlo pervenire alle vittime del ciclone. Il direttore della scuola ha affermato che, spesso, anche con piccole cose è stato possibile alleviare il dramma delle vittime del ciclone che ha lasciato almeno 20.000 alunni senza scuola nei distretti di Machanga e Buzi. Il delegato della Croce Rossa ha ringraziato per il gesto affermando che “Siamo rimasti colpiti dall’iniziativa degli alunni della scuola e ci auguriamo che altre scuole ripetano un tale gesto”.