13 ottobre 2007

Rallentata la crescita economica in Mozambico

La crescita economica mozambicana è rallentata nel primo semestre dell’anno (8,8%) rispetto allo stesso periodo del 2006 (10%). Il ministro della pianificazione e dello Sviluppo, Aiuba Cureneia, ha chiamato in causa i disastri naturali avvenuti all’inizio dell’anno, in particolare la piena nella valle dello Zambezi e il ciclone Favio, che ha distrutto una delle zone turistiche più significative della provincia di Inhambane. Tuttavia, nonostante il rallentamento, la percentuale raggiunta rappresenta un importante risultato se rapportata al 7% previsto dal Governo. Il ministro ha affermato che, nel periodo di riferimento, i settori che hanno registrato una crescita maggiore sono stati quelli dell’Elettricità, del Turismo, dei Trasporti e Comunicazioni, del Commercio e delle Costruzioni civili. Il settore agricolo, che impiega oltre la metà della popolazione mozambicana, ha comunque avuto una crescita sensibile (7,7%) pur se non ha ricevuto adeguati finanziamenti per lo sviluppo. Il tasso di inflazione nel primo semestre è stato del 3,7%, inferiore alla previsione governativa del 6%. Il ministro Cureneia ha inoltre sottolineato che nei primi sei mesi dell’anno, il Governo ha approvato 85 nuovi investimenti per un valore di 1.300 dollari.